Centrostudisapienza.it utilizza i cookie per il suo funzionamento, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie.

Mediazione Familiare

UN CAMBIO DI PROSPETTIVA DAL CONFLITTO, INTESO COME SCONTRO DI POSIZIONI, A UN NUOVO MODO PER STARE NELLE RELAZIONI

Cos'è la Mediazione Familiare?

La mediazione familiare è un percorso alternativo alla lite giudiziale, in cui un terzo neutrale, il mediatore appunto, aiuta coloro che hanno deciso di separarsi a riorganizzare le relazioni familiari, soprattutto in vista di una maggior tutela dei figli, con lo scopo di giungere ad un accordo di separazione che possa essere poi presentato in tribunale per la sua omologazione. Mediazione familiare

A chi si rivolge?

Il servizio di mediazione familiare si rivolge alle coppie di coniugi, che hanno deciso di separarsi, ma non solo, anche ai conviventi che hanno deciso di porre fine al loro legame, e vogliono raggiungere un accordo per la tutela dei figli.

Perché scegliere la Mediazione Familiare?

L’impronta base della mediazione familiare è che le lotte giudiziarie non sono vantaggiose per i coniugi, e per nessuno, neppure per i figli, che spesso si trovano in mezzo ai litigi dei loro genitori, diventando gli strumenti per ferire l’altro partner.
CIO’ CHE ROVINA I FIGLI E’ IL PROTRARSI NEL FUTURO DEL CONFLITTO.
Farsi la guerra in tribunale è il modo peggiore, disastroso e più costoso di porre fine ad un matrimonio, a scapito dei propri figli; chi ci rimette sono solo loro.
Scegliere la strada della mediazione familiare permette di trovare un accordo che risponda ai bisogni di ognuno, avendo un notevole risparmio anche di costi.
Nella mediazione le parti sono le protagoniste del procedimento: cercano, non subiscono, ma trovano una soluzione al problema che hanno in comune.

Cosa aspettarsi dal percorso di Mediazione Familiare?

Le persone che si rivolgono al nostro Centro per intraprendere un percorso di mediazione spesso non sanno cosa aspettarsi esattamente.
Ciò che è certo, è che stanno attraversando un periodo di sofferenza, che quasi sempre si sentono falliti come genitori, con una conseguente forte caduta dell’autostima personale; sta al mediatore, dunque, aiutarle a capirsi, in modo da individuare quale sia il percorso più adatto per uscire dallo stato di disagio nel quale si trovano.
La mediazione familiare non è una terapia di coppia, e neanche un cammino psicologico, ma è un percorso che varia dalle 6 alle 12 sedute, a seconda degli argomenti trattati.
Alla fine del percorso si otterrà un accordo che rappresenta il frutto degli interessi delle parti coinvolte, soprattutto nell’interesse dei minori.
Le coppie che hanno deciso di separarsi scegliendo la strada della mediazione familiare possono offrire un aiuto concreto ai propri figli aiutandoli ad affrontare uno degli eventi più dolorosi della vita.
Spesso sono proprio i figli a soffrire maggiormente della separazione di mamma e papà, perché i genitori sono così turbati emotivamente da non avere più a disposizione la stessa quantità di tempo, energie e capacità di prendersi cura dei figli.
Allora, la mediazione familiare favorisce la relazione, la comunicazione e soprattutto il dialogo dei genitori, affinché questi ultimi trovino i comportamenti migliori per rassicurare i propri figli che mamma e papà saranno sempre presenti nella loro vita, perché si può sicuramente decidere di separarsi come coppia, mai come genitori.
SI RIMANE GENITORI PER SEMPRE.

L’Accordo di Mediazione ha valore legale?

L’accordo raggiunto attraverso le sedute di mediazione familiare, ha valore di scrittura privata.
Ciò significa che se una delle parti viola il contenuto della stessa, la parte lesa può recarsi in Tribunale per farla valere.
Ovviamente, questo percorso ha dei tempi giudiziari lunghi.
Pertanto, per ovviare a tutto questo, il mediatore insieme all’avvocato, collabora per trasformare l’accordo raggiunto in mediazione in ricorso per separazione, affinché questo venga omologato, ossia assuma la forma di atto avente valore legale.
I coniugi, insieme al mediatore e all’avvocato, dovranno presentarsi personalmente in Tribunale una sola volta; ci sarà quindi una sola udienza, in seguito alla quale il giudice omologherà l’accordo e i coniugi saranno separati.
Essendo una collaborazione fra mediatore e avvocato, il mio studio assicura costi contenuti per dare la possibilità a tutti gli utenti di accedere a questo servizio.

Quali sono i vantaggi della Mediazione?

La mediazione familiare è una nuova risorsa a sostegno dei genitori, grazie alla quale questi sono sostenuti, accompagnati e capiti durante tutto il periodo difficile della separazione.
Grazie alla mediazione si ha:
• un miglioramento delle capacità comunicative oltre il conflitto;
• un maggior riconoscimento dei bisogni dei propri figli;
• un riconoscimento del reciproco ruolo genitoriale;
• una garanzia assoluta di riservatezza, segreto professionale e tutela della privacy;
• una riduzione dei tempi;
• una significativa diminuzione dei costi.

Referente: Ilaria Morosini

Equipe: Ilaria Morosini e Signorelli Alessia

 

Visite: 2916