Centrostudisapienza.it utilizza i cookie per il suo funzionamento, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie.

Neuropsicomotricità

Il terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva è un riabilitatore pediatrico che si occupa di prevenzione, cura e riabilitazione di disturbi psicomotori e neuromotori.
Utilizza attività interessanti e coinvolgenti, come il gioco, per verificare e facilitare una crescita o un recupero dei deficit.
In particolare la psicomotricità utilizza il gioco come strumento terapeutico e relazionale per verificare e se necessario aiutare lo sviluppo psicomotorio del bambino nelle diversi fasi di sviluppo.
All’interno della stanza di psicomotricità il bambino ha la possibilità di esprimersi in libertà con il corpo attraverso il gioco in un ambiente facilitante.

La psicomotricità riabilitativa è indicata e raccomandata nei disturbi:
• Ritardo mentale
• Ritardo neuro-psicomotorio
• Disturbi pervasivi dello sviluppo
• Disturbi del controllo sfinterico
• Deficit di attenzione
• Disturbi del comportamento (iperattività/inibizione)

Il terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva si occupa, attraverso attività interessanti e ludiche, della acquisizione delle tappe motorie e dei deficit neuromotori.
• Ritardo nelle tappe motorie (rotolo, gattonamento, afferramento, deambulazione, ecc…)
• Deficit posturali del neonato e patologie del tono
• Malformazioni congenite (piede torto, torcicollo)
• Sindromi genetiche con conseguente ritardo motorio
• Danni neurologici periferici o centrali, Paralisi Cerebrali Infantili (tetraplegie, emiplegie, diplegie)
• Deficit di coordinazione, disturbi prassici e disprassie

 

Il metodo Terzi

È possibile effettuare valutazioni e terapie con il Metodo Terzi.
È una metodologia cognitivo-motoria. Questa esercita l’integrazione delle informazioni tra il proprio corpo e lo spazio in cui esso si trova e si muove.
ll Metodo Terzi nato come metodo per i non vedenti, è applicato anche ad altri disturbi. Escludendo l’utilizzo della vista favorisce la creazione di rappresentazioni mentali del proprio corpo, dello spazio e del movimento attraverso i processi di analisi e sintesi sia in prima che in terza persona.
Il Metodo Terzi viene utilizzato per diversi casi; disturbi di organizzazione spazio-temporale, ipovisione, ritardo mentale, DSA, DANV e disturbi neuropsicologici; per l'adulto anche nei casi di esiti di gravi lesioni neurologiche acquisite e morbo di Parkinson. Il Metodo Terzi viene utilizzato nei disturbi di organizzazione spazio-temporale, ipovisione, ritardo mentale, disturbo dell’apprendimento, DANV e disturbi neuropsicologici.

 

Il metodo Feuerstein

Vengono effettuati anche progetti di potenziamento cognitivo con il metodo Feuerstein PAS BASIC, rivolti a bambini di età prescolare e dei primi anni della scuola primaria.

Il metodo Feuerstein è uno strumento elaborato dal prof. Reuven Feuerstein, il cui obiettivo è quello di sviluppare e potenziare le abilità cognitive dell’individuo. In particolare, il metodo si propone di far acquisire competenze e strategie che aiutino lo sviluppo della flessibilità di pensiero e della capacità di problem solving, non solo nel contesto scolastico, ma anche nei diversi ambiti di vita quotidiana.

Il metodo Feuerstein PAS BASIC può essere applicato in casi di: ritardo cognitivo, disturbi emotivo-comportamentali e disturbi dell’apprendimento, ma può anche essere utilizzato come potenziamento delle funzioni cognitive per accompagnare e aiutare il bambino nel passaggio alla scuola primaria.

 

Presso il Centro Studi vengono effettate valutazioni neuromotorie dello sviluppo del bambino dai 3 mesi ai 18; per verificare un sano ed equilibrato sviluppo delle acquisizioni neuromotorie, osservando e valutando i riflessi e le prime funzioni motorie (valutazione degli spostamenti orizzontali e verticali, facilitazioni per il raggiungimento delle tappe di sviluppo psicomotorio, consigli per la cura posturale).

La precocità dell’intervento, consente la tempestiva individuazione di problematiche che potrebbero risultare difficilmente trattabili in un periodo successivo. 

Referenti:

dott.ssa Federica Caroleo

dott.ssa Silvia Volpe

Visite: 3903