Centrostudisapienza.it utilizza i cookie per il suo funzionamento, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie.

Training autogeno

Aiutare la mente e il corpo con il Training Autogeno

 Il training autogeno è un metodo di aiuto psicosomatico elaborato dal medico berlinese J.H. Schultz negli anni 30 ed è largamente conosciuto e diffuso in tutto il mondo come una delle principali “tecniche di rilassamento” esistenti.

Il training autogeno è costituito da una serie di esercizi che vanno appresi gradualmente ed eseguiti con un allenamento costante. Se praticato correttamente e costantemente, può consentire di raggiungere un’autosuggestione ed un addestramento al cambiamento psicofisico, migliora il contatto con se stessi e rappresenta una risorsa dalle immense potenzialità per aiutare la mente sia a migliorare le quotidiane performances che ad alleviare disagi psicosomatici di vario tipo.

Elenchiamo di seguito una serie di benefici per cui il training autogeno si riscontra utile:

– Il recupero energetico e mentale;

– La riduzione dell’ansia e della tensione emotiva;

– La gestione dello stress;

– L’utilità nella cura di disturbi psicosomatici quali ad esempio attacchi di panico, insonnia, emicrania, asma, ipertensione, gastrite, balbuzie, tic, disturbi sessuali;

– Il potenziamento di funzioni mentali, quali la concentrazione e la memoria;

– Il miglioramento delle performances professionali ed il potenziamento delle prestazioni sportive;

– L’efficacia nella preparazione psicofisica al parto.

E’ previsto un colloquio conoscitivo preliminare per stabilire se sussistono nella persona condizioni psico-fisiche particolari che richiedono di personalizzare il metodo eseguendo delle varianti.

Vi è la possibilità di poter frequentare il corso di training autogeno sia in lezioni individuali, sia in un percorso di gruppo.

Clicca qui per vedere di cosa si tratta.

Referenti:

dott.ssa Silvia Castellini - Psicologa psicoterapeuta - 3386574458 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

dott.ssa Martina Vesentini

Visite: 685