Centrostudisapienza.it utilizza i cookie per il suo funzionamento, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie.

Osteopatia

Cos’è l’Osteopatia?

L’osteopatia è una terapia manuale, complementare alla medicina classica, che si basa su un approccio manipolativo per la diagnosi e per il trattamento.

L’innovazione consiste in alcuni Princìpi cardine di cui ancora oggi l’Osteopatia si avvale:

  • L'essere umano è un'unità dinamica di funzioni, il cui stato di salute è determinato da corpo, mente, e spirito.
  • Il corpo possiede dei meccanismi di autoregolazione e autoguarigione.
  • La struttura e la funzione sono reciprocamente inter-correlate.
  • La terapia razionale si fonda sull'applicazione di tutti e tre i principi. E’ una forma di assistenza incentrata su un approccio causale e non sintomatico: spesso infatti la causa del dolore trova la sua locazione lontano dalla zona dolorosa.

Ogni trattamento osteopatico viene personalizzato sul paziente, selezionando tra le varie tecniche e gli approcci (craniale, fasciale, strutturale, viscerale) la miglior terapia da applicare.

L’osteopatia incentra la propria attenzione sull’integrazione trai vari sistemi corporei per migliorare la salute del paziente.

Il fine ultimo dell’osteopatia è aumentare le capacità di autoregolazione e autoguarigione intrinseche della persona. 

Come si svolge un trattamento Osteopatico?

Il paziente che sceglie di sottoporsi al trattamento osteopatico sostiene una prima visita, durante la quale l’osteopata conduce un anamnesi sul motivo del consulto e lo stato di salute. Durante la prima visita, inoltre, viene presa visione di eventuali esami clinici e strumentali per accertarsi che il caso sia di competenza osteopatica.

Al termine del colloquio si procede con l’esame osteopatico posturale e, attraverso test osteopatici specifici, viene valutata l’area o le aree disfunzionali che possono perturbare il benessere e l’omeostasi del paziente.

In base alle aree disfunzionali riscontrate, l’osteopata selezionerà delle tecniche specifiche e non invasive per ritrovare l’equilibrio dell’organismo.

Chi si può rivolgere all’osteopata?

Il trattamento osteopatico prevede tecniche dolci, non invasive e non traumatiche, per cui è consigliato a bambini, anziani, donne in gravidanza, sportivi o persone che hanno avuto un infortunio. Si rivela inoltre efficace nel risolvere disturbi senza l’ausilio di farmaci; è quindi particolarmente consigliata a persone che soffrono di: lombalgia, cervicalgia, sciatalgia, nevralgia, cefalea, disturbi dell’atm, alterazioni dell’equilibrio, disturbi ginecologici e digestivi, otiti e sinusiti. 

L’osteopata non entra in gioco solo con la presenza di un sintomo da trattare, è molto efficace anche a scopo preventivo per evitare l’insorgenza di quei fastidi improvvisi e acuti che possono manifestarsi sotto stress o nei cambi di stagione e che potrebbero causare limitazioni nello svolgimento della normale attività quotidiana.

È quindi consigliabile una visita periodica, a scopo preventivo, con l’obiettivo di ripristinare l’omeostasi dell’organismo, tenendo conto che i principali fattori che perturbano gli equilibri dell’organismo sono i ritmi di vita attuali e le posizioni viziate in ambito lavorativo e scolastico.

Osteopatia e Ostetricia

Durante la gravidanza il corpo della donna è sottoposto a innumerevoli cambiamenti legati alla progressiva crescita del feto che, di settimana in settimana, causacontinue modifiche sia a livello muscolo-scheletrico che viscerale.

Questi cambiamenti possono talvolta sfociare in dolori di vario genere come ad esempio: lombalgia, sciatalgia, cervicalgia, difficoltà digestive, reflusso, stitichezza e ritenzione idrica che può causare pesantezza e gonfiore agli arti inferiori e la sindrome del tunnel carpale.

L’osteopata può aiutare ad assecondare i cambiamenti che il corpo della donna sta subendo, in modo dolce e armonico, affrontando e risolvendo le problematiche dolorose che spesso impediscono alla gestante di affrontare in modo sereno la quotidianità.

Il percorso osteopatico durante la gravidanza può favorire l’elasticità tissutale e la mobilità articolare facilitando sia il travaglio che la fase espulsiva del parto.

L’osteopatia, durante il post-partum, velocizza il recupero dell’equilibrio muscolo-scheletrico e di eventuali esiti cicatriziali da taglio cesareo o da episiotomia eattraverso tecniche ed esercizi di rinforzo muscolare aiuta a ripristinare il normale tono del pavimento pelvico (molto utile per la risoluzione dell’incontinenza urinaria).

Osteopatia e Pediatria

In ambito pediatrico l'osteopata utilizza tecniche manipolative delicate e non dolorose per risolvere alcune problematiche comunemente diffuse tra i più piccoli, evitando così che si cronicizzino, condizionandone lo sviluppo. Le problematiche pediatriche più comunemente trattate dagli osteopati sono: scoliosi, coliche, reflusso, stitichezza, otiti ricorrenti e sinusiti, torcicollo miogeno congenito, irritabilità e pianti frequenti.

Osteopatia e Sport

Ogni sport ha le sue caratteristiche e peculiarità, proprio come chi lo pratica, ed è quindi fondamentale considerare il paziente sportivo a seconda della disciplina che svolge.

Alcune parti del corpo sono sottoposte fisiologicamente a maggior stress, queste strutture se non adeguatamente tutelate, potranno andare incontro a una progressiva degenerazione, facilitando l’insorgenza di infiammazioni, lassità o lesioni (muscolari, tendinee, legamentose, meniscali).

Il trattamento manipolativo osteopatico può limitare l’insorgenza e gli episodi recidivi di tali problematiche, nonché aiutarne la guarigione.

Osteopatia e Geriatria

Con l’avanzare dell’età si va incontro ad una serie di patologie e problemi fisici che possono condizionare seriamente la qualità di vita della persona.

Patologie come artrosi e dolori articolari sono da considerarsi fisiologiche ad una certa età, ma non si può permettere che queste condizioni compromettano la persona.

Il trattamento osteopatico allevia notevolmente la sintomatologia, aiutando le persone anziane a conservare tonicità e vitalità.

Referente:

Chiara Gerli

Visite: 2637